0184 504477 | lunedì-sabato 6:30-19:30 | domenica 6:30-13:00

Giugno è arrivato, parliamo del Geranio

Giugno è arrivato, parliamo del Geranio

Giugno è arrivato, parliamo del Geranio

Eccoci finalmente a giugno, le giornate si allungano e presto inizierà l’estate!

è il tempo migliore per dedicarci alle nostre amate piante, che in questo periodo sapranno darci tantissime soddisfazioni!
Con l’arrivo del caldo non dimentichiamoci di annaffiarle con regolarità e di dedicargli qualche cura, loro sapranno ricambiarci con i loro fantastici colori e la loro bellezza!

Questo mese vogliamo parlarvi dei gerani, perfetti per tutti i balconi, ve ne sono di diversi tipi e sapranno adattarsi a tutte le situazioni.
Fioriscono continuamente, sono forti e resistono agli agenti atmosferici, sono perfetti anche per chi non ha il pollice verde e rendono speciale ogni angolo in cui ne metteremo uno!

I gerani a foglia profumata sono perfetti per essere posizionati in luoghi di passaggio nel giardino.Così sapranno donarci il loro incantevole profumo!

I gerani a foglia colorata sono molto apprezzati per le loro foglie, simili a quelle dell’edera. Sono ideali per portare colore in angoli non in pieno sole, gradiscono infatti luce abbondante ma non diretta che potrebbe alterare il disegno del fogliame.

Ricordatevi di concimare i gerani, soprattutto se coltivati in vaso, potete usare fondi di caffè, prima seccati e poi sparsi con cura nel terreno.
Utilizzate concime liquido o granulare solubile con regolarità durante il periodo di fioritura.

Estirpate le foglie morte e i fiori ormai secchi con una forbice affilata, così da evitare di esporre la pianta all’attacco dei parassiti.

Annaffiate spesso i gerani in primavera ed in estate, evitate ristagni idrici e non bagnate le foglie, l’annaffiatura deve essere graduale e lenta lasciando scorrere lentamente l’acqua sotto alle foglie.

Se i vostri gerani non fioriscono la causa più comune sta nella scorretta esposizione della pianta, spostate la pianta in un luogo molto luminoso e le fioriture non mancheranno.

Come combattere la farfallina nemica dei gerani:
La farfallina del geraneo Cacyreus Marshalli, lepidottero originario dell’Africa, si è diffuso da qualche anno in Italia e causa gravi danni ai nostri gerani.Questa farfalla con le ali color bruno-bronzo e marrone depone le uova sui gerani, da cui fuoriescono le larve che penetrano nei fusti e vi scavano gallerie discendenti. In seguito le larve escono dai fusti e si nutrono di foglie, fiori e apici, distruggendo la pianta.
In commercio esistono antiparassitari specifici, se preferiamo prodotti naturali possiamo utilizzare 3-4 gocce di olio di Neem (reperibile facilmente in erboristeria) per ogni litro d’acqua, si nebulizza la soluzione sul terreno e alla base del geranio. Si può inoltre preparare un infuso di assenzio, mettendo le foglie in acqua bollente e lasciando in infusione per un giorno.

Nessun commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *